Osea2 Agrifestival Hippana

Installazione, semi di orzo su terra battuta (diametro 10 metri), Agrifestival Hippana, Azienda Agricola Traina, Palazzo Adriano, Italia, 2013.

OSEA 2, rimanda alla tradizione orientale dei mandala, unendo a cosmogrammi e figurazioni più antiche, la matericità e il carettere segnico del lavoro di alcuni maestri italiani del secondo Novecento. È un occidente che incontra un oriente non solo nell’espressione più esteriore ma soprattutto in un’accezione più profonda: realizzare un’opera dalla ritualità laica, che rielabori gesti propiziatori, legati alla fertilità e al destino ed esprima l’impellente necessità del nostro tempo di riconciliarsi con una terra spesso mortificata e ferita.

«Osea 2 è un catalizzatore di vitalità agreste che richiama potentemente a un sacro che non si mostra facilmente, che non vuole essere esplorato con l’intelletto, ma vissuto con l’esperienza e la gioia. La visione profetica non è solo un cupa prospettiva di percorsi e percosse, ma vuole in questo caso marcare una funzione spirituale dell’arte, capace di elaborare non soltanto soluzioni estetiche ma di coniugare quelle etiche perché si possa stabilire un rispetto della natura e la ricostruzione di un ruolo perduto, che non è quello di dominatore ma di coabitante». (Andrea Kantos)

Installation, barley seeds on clay (diameter 10 meters). Agrifestival Hippana, Azienda Agricola Traina, Palazzo Adriano, Italia, 2013.

OSEA 2 takes its inspiration from the tradition of the Eastern mandalas, of cosmograms and very ancient and esoteric shapes but it also referes to the materials and the signs of the work of some Italian masters of the late twentieth century. It is the West that meets the East not only from the outside but also from the inside. The aim of this installation is to create a work following secular rituals full of propitiatory gestures which bring fertility and good luck. Moreover it expresses our urgent need to reconcile to the hearth, too often humiliated and hurt by the human beings.
Andrea Kantos wrote about Osea: «It’s an archaic, almost astronomical grid, connected to the land, reminding us the concept of the mutability of all living shapes that, in order to exist, have to enjoy, live and die. According to the artist, life is an impulse given by the movement. Hosea 2 is a catalyst of rural vitality that draws powerfully to a sacred dimension not easy to perceive, because it doesn’t want to be explored by the intellect, but lived through experience and joy. The prophetic vision is not just a grim prospective of paths, but it intends here to mark a spiritual function of art, able to process not only aesthetic, but also ethical outcomes. In this way art evokes a respect for nature and the recovery of a lost role of men who have to be no longer ruler, but roomer».