Axis Mundi Planeta

Credit photo: Daniele Franzella / GGD

Installazione site specific composta da 7 scale in legno di h 300cm, diametro 370 x h 270 cm., Festival Extravergine Menfi, Azienda Planeta, Menfi, Sicilia, 2014.

Questa versione di AXIS MUNDI è un’installazione realizzata fra gli ulivi, utilizzando le scale in legno utilizzate per la raccolta. La disposizione scelta, raccorda sette scale in cerchio che formano una piccola architettura contemplativa che estrinseca il percorso naturale che lega l’uomo al cielo e alla terra; “essere” e “luogo” rientra nei temi esplorati in altre installazioni che approfondiscono i valori di comunità e appartenenza. La scala, oltre alla sua funzione in agricoltura è elemento usato in molti riti iniziatici, i cui pioli sono espressamente considerati come rappresentazioni dei diversi cieli, cioè degli stati superiori dell’essere. È così che in particolare nei misteri mitriaci la scala aveva sette pioli che erano messi in rapporto con i sette pianeti ed erano formati dai metalli a essi corrispondenti. La scala, come scrive Guenon, è un “ponte verticale” che si eleva attraverso tutti i mondi e permette di percorrerne l’intera gerarchia passando di piolo in piolo; nello stesso tempo, i pioli sono i mondi stessi, cioè i diversi livelli o gradi dell’Esistenza universale.

Site specific installation made with 7 stairs, diameter 370 x h 270 cm. Festival Extravergine Menfi, Azienda Planeta, Menfi, Sicilia, 2014.

This version of AXIS MUNDI is an installation created among the olive trees, using the stairs for the autumn harvest. The available choice, joins seven wooden ladders in a circle forming a small architecture that extrinsic the natural path that connects man, heaven and earth; “Be” and “Place” is within the themes explored in other installations that deepen the values of community and belonging. The stair, in addition to its role in agriculture is an element used in many initiation rites, whose rungs are expressly considered as representations of different skies, those of the higher states of being. And so that in particular in the Mithraic mysteries the stair had seven rungs that were brought into relation with the seven planets and were formed by the corresponding metals. The stair, as Guenon writes, is a “vertical bridge” that rises through all the worlds and allows to walk the entire hierarchy moving from peg to peg; at the same time, the pegs are the worlds themselves, in other words, the different levels or degrees of the universal Existence.